HAI VISTO COM'ERA VESTITA?



Esiste un fenomeno che gli psicologi sociali chiamano “l’effetto aureola”, a causa del quale tendiamo a presupporre che le persone che curano la propria immagine posseggano altre qualità positive oltre all’aspetto, come intelligenza e impegno.

Addirittura in uno studio fatto su universitari maschi a cui veniva chiesto di valutare una relazione scritta da una collega donna a loro sconosciuta, i partecipanti giudicavano la scrittrice e il suo lavoro in maniera più favorevole quando veniva loro mostrata una foto di una donna attraente che credevano fosse la scrittrice, al contrario di quando gliene veniva mostrata una non attraente o non gli veniva proprio mostrata la foto.


Lo so che può sembrare assurdo, eppure è così.


Ripetiamo sempre che “l’abito non fa il monaco” ma ripetutamente cadiamo in questa trappola.



“HAI VISTO QUELLA COME ERA VESTITA?” E’ l’unica cosa che ci è rimasta in mente. Come era vestita.


  • Potrebbe aver detto delle cose interessanti

  • Essere un luminare nel suo settore

  • Avere delle referenze importanti.

A noi Non importa.

Però… COME ERA VESTITA!


E non si tratta di una distinzione “ bello VS brutto” ma un’indicazione

Passare le ore della giornata con qualcuno visivamente bello fa la differenza.


Come si traduce questo nella realtà?

Nell’avere attenzione su tutto ciò che indossiamo.

E ciò che indossiamo spesso concentra le sue forze nell’accessorio.

Cosa voglio dire.

Hai presente qualche scena delle sedute ipnotiche? il pendolo che oscillando ti trasforma in automa e ti fa fare tutto ciò che l’altro desidera?

Ecco.

L’ho sperimentato in prima persona.

Sono andata all’appuntamento con una cliente portandomi tutto il materiale utile per farle conoscere da vicino le mie trame.

Mi ha fatta accomodare sul divano, mi sono fatta spazio sul piccolo tavolo davanti a me e, come sempre, ho tirato fuori parte dei miei strumenti da lavoro.

Nel frattempo rispondevo alle sue richieste.

Lei mi aveva conosciuta attraverso una amica e cercava di comprendere tutte le modalità di lavorazione.

Una mia caratteristica mentre parlo (e quanto parlo!) è quella di gesticolare.

Ad un certo punto ho perso il suo sguardo.

Non mi guardava più negli occhi.

Seguiva la mia mano. Ovviamente no. Non avevo il pendolo per l’imposi. Era attratta dall’anello che indossavo e del quale non mi spoglio quasi mai.


Com’è finita? Non è servito altro materiale.

Ora indossa anche lei i gioielli di Mamà.

Si ma cosa c’entra?

Il mio anello è stato il biglietto da visita. Ecco cosa c’entra. Qualsiasi cosa io avrei detto o fatto dopo che lei ha visto il mio monile, sarebbe stato superfluo.

Quella era la mia immagine.

Ora per quanto può sembrarti strano, purtroppo è cosi. e se non vogliamo passare il resto dei nostri giorni a vederci sorpassare da qualcun altro che ha lavorato meglio di noi sull’immagine, allora è bene agire SUBITO.


Di seguito lascio un link (eccolo qua www.mamagioielli.it/lead-video ) attraverso il quale, ancora per poco tempo, saranno disponibili tre video GRATUITI con i quali potremo conoscerci meglio.

Perché voglio REGALARLI? Perché è ora che la bellezza sia fatta di consapevolezza, di carattere, di storie che si intrecciano.

Ed i gioielli al tombolo di Mamà, protagonisti anche della fiction Rai "Ognuno è perfetto", ne sono l'esempio.

Dopo 498 parole possiamo darci del tu?

Come ti ho detto i video saranno Gratuiti per un breve periodo.


Puoi scegliere di NON aprire il link e dedicarti ad altro ma avrai perso la gratuità dei video.

Puoi scegliere di NON aprire il link perché hai già una immagine forte perdendo così però la possibilità di rafforzarla.

Puoi scegliere di APRIRE il link e fare strike sulle giornate come se ogni attimo fosse un birillo abbattuto.

A te la scelta.

www.mamagioielli.it/lead-video

Tic Tac…

30 visualizzazioni

indossa la tradizione

L'UNICO GIOIELLO CON UNA STORIA DA RACCONTARE

clicca sulle icone per guardare le interviste

collaborazioni
mo-ElaW7_400x400.jpg
giro.jpg
download.jpg
castelvetranonews.jpg

© 2023 by Landon. Proudly created with Wix.com